LaRete Art Projects
news    > soci > Federica Patti

Federica Patti

Federica Patti (Bologna, 1983) è curatrice che vive e lavora a Bologna.
Laureata nel 2010 presso l’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, con una tesi sull’interattività nell’arte contemporanea dal titolo "Arte e scienza nelle installazioni di Carsten Höller: omologie tra le teorie evoluzionistiche, le neuroscienze e la didattica educativa nei progetti di arte contemporanea".
La sua ricerca si concentra sulle arti multimediali, su progetti interattivi e partecipativi e sulla scoperta di giovani artisti emergenti. E’ uno dei membri fondatori di roBOt, un festival internazionale dedicato alle arti digitali e la musica elettronica, che celebra la sua ottava edizione nel 2015. Dal 2010 al 2014, ha gestito a Bologna SPAZIOBARNUM, uno spazio non profit dedicato alla presentazione e allo sviluppo di questi argomenti attraverso esposizioni, workshop, eventi.
Nel 2012 è entrata a far parte del collettivo curatoriale LaRete Art Projects; fra le collaborazioni principali, ha​ lavorato come project manager per "Aelia Media" di Pablo Helguera, il progetto vincitore della prima edizione del Premio Internazionale di Arte Partecipativa. Ha partecipato alla realizzazione della mostra video “The Eye of the Collector”, uno degli eventi principali di Art First 2012 a Bologna. Insieme a Julia Draganović ha curato “Funding for Isola”,​ ​quarta tappa della serie "Click o Clash? Strategie di collaborazione", un progetto a lungo termine ideato da LaRete Art Projects sviluppato per la Galleria Bianconi​ ​di Milano; con la co-curatela di Claudia Löffelholz ha attivato dal 2014 la prima residenza per artisti dedicata ​​alle arti digitali e alla musica elettronica a Bologna, presso il MAMbo.
Ha condotto il ciclo di incontri TALK | SHOW presso la galleria Civica di Modena, dedicato alle pratiche collaborative nelle arti contemporanee.
Dal 2013 è contributor per le webzine Artribune magazine e Digicult.

LaRete Art Projects